Import-Export Italia - Olanda: la Lombardia locomotiva del bel Paese

Tra i sette Paesi più grandi al mondo per l’esportazione, l’Olanda detiene con l’Italia un ottimo rapporto nello scambio commerciale. Basta guardare i numeri per confermare tale affermazione.  Secondo i dati riferiti al 2015, 17,5 miliardi è il valore dei prodotti esportati dall’Olanda verso l’Italia, il flusso inverso, invece, si dimezza con 9 miliardi di euro.

Tra i settori di punta: minerali, derivati dal greggio, prodotti chimici, medicinali, macchine per trasporti, oltre alla storica industria floreale.
Secondo un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati Istat riferiti al quarto trimestre 2015 e 2014, l’interscambio tra Lombardia e Olanda, ammonta a 12,6 miliardi di euro, con un peso del 50% sul totale nazionale di 25 miliardi di euro.

Per quanto riguarda l’export nei Paesi Bassi, infatti, la Lombardia esporta per un valore di quasi 3 miliardi di euro. Milano pesa il 26% sul totale lombardo per un giro d’affari di 704 milioni di euro. A seguire Bergamo (17%, 461 milioni), Varese (13%, 370 milioni) e Brescia (11%, 297 milioni). 

Secondo i dati, resi noti dalla Camera di Commercio di Milano l’Italia esporta in Olanda per un valore di più di 5 miliardi e la Lombardia pesa il 50% sul totale nazionale. Con 9 miliardi di import la Lombardia pesa il 50% del totale delle importazioni nazionali (circa 20 miliardi di euro). A importare maggiormente in regione sono Milano (66%), Bergamo (6%), Brescia e Pavia (5%).

Ma quali sono i prodotti lombardi più esportati in Olanda?
I macchinari e i prodotti chimici. Nel dettaglio: Varese e Mantova esportano soprattutto mezzi di trasporto, Bergamo e Brescia macchinari e apparecchi, Sondrio e Lecco metalli, Pavia articoli farmaceutici, chimico-medicinali, Milano sostanze e prodotti chimici, Lodi computer e apparecchi elettronici, Como prodotti tessili, Cremona prodotti alimentari e Monza altri prodotti manifatturieri tra cui i mobili.

I prodotti olandesi più importati in Lombardia sono: i computer, apparecchi elettronici e ottici (3 miliardi e sostanze e prodotti chimici (1,7 miliardi). Milano, Pavia, Lodi e Monza importano soprattutto computer e apparecchi elettronici, Brescia e Cremona metalli, Varese, Como, Bergamo e Mantova sostanze e prodotti chimici, Sondrio e Lecco prodotti alimentari.