Finanziaria 2017 e le imprese: ecco i punti più salienti della nuova manovra

In questi giorni si è parlato spesso della Finanziaria 2017 e del relativo DDL Legge di Bilancio 2017. Vogliamo segnalare i punti salienti della manovra, le modifiche e i benefici che possono interessare l’organizzazione e la gestione aziendale.

Riqualificazioni e recuperi immobiliari.

Tra le disposizioni della Finanziaria 2017 c’è la proroga fino al 2017 della detrazione IRPEF per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio nei limiti del 50% della spesa di importo massimo di € 96.000. Inoltre, è stata disposta la proroga fino al 2017 della detrazione per gli interventi di riqualificazione energetica, nella misura del 65% del costo sostenuto.
Gli interventi di riqualificazione energetica su parti comuni condominiali sono, invece, agevolati fino al 31.12.2021.

Beni strumentali.

Nel testo è stata introdotta la proroga per la possibilità di usufruire del cd. “maxi ammortamento del 140%” sugli investimenti in beni strumentali nuovi consegnati o spediti entro il 31.12.2017 (per i beni in leasing rileva la data di consegna del bene). Da notare però che I
ilmaxi – ammortamento in questione non sarà applicabile alle autovetture, neanche a quelle concesse in “benefit” ai dipendenti.
E ancora, la nuova Finanziaria prevede che il costo dell’acquisto, effettuato entro il 31.12.2017 di beni nuovi finalizzati a favorire processi di trasformazione tecnologica/digitale, è incrementato, per il calcolo sia degli ammortamenti che delle rate di leasing, del 150%.
Le macchine ed i sistemi devono avere un controllo per mezzo di CNC o di PLC, interconnessione ai sistemi informatici ed essere rispondenti ai più recenti standard in tema di sicurezza, salute ed igiene del lavoro. Importante estensione, fino al 2020 per quanto riguarda il credito d’imposta riconosciuto per le spese di “ricerca e sviluppo”

Principio di cassa per la contabilità semplificata.

Tra le novit effettive l’introduzione, a partire da quest’anno, per le imprese in contabilità semplificata che hanno un volume d’affari fino ad € 400.000 (prestazioni di servizi) o fino ad  € 700.000 (altre attività), della determinazione del reddito in base al “principio di cassa”.
E’ stata prorogata, inoltre, al 31.12.2018 l’agevolazione cd. “Sabatini-ter” che prevede l’erogazione di un contributo in conto esercizio

Start up innovative.

Importanti anche le novità per le Start up innovative. Sono state introdotte, infatti, alcune agevolazioni relative sia ai rapporti di lavoro che al reddito dei soci investitori al fine di “favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico, la nuova imprenditorialità e l’occupazione, in particolare giovanile”.

Nuove imposte.

E arriviamo in tema di nuove tasse.
A decorrere dal 1°gennaio 2017 l’IRES (27.5%) è sostituita dall’ IRI (24%). Questa imposta, originariamente prevista solo per le società di capitali, sarà applicabile anche alle imprese individuali / società di persone in contabilità ordinaria ed a seguito di opzione.

Costi di acquisizione.

Con la Finanziaria 2017, è stata riproposta la possibilità di rideterminare il costo di acquisizione di: 1) terreni edificabili ed agricoli 2) partecipazioni (non quotate), possedute alla data del 1° gennaio 2017 non in regime d’impresa.

Rivalutazione beni di impresa.

Torna, inoltre, anche  la rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni riservata alle società di capitali ed enti commerciali.
La rivalutazione deve essere effettuata nel bilancio dell’esercizio 2016.Tra i grandi ritorni è stata ri-aperta l’assegnazione dei beni (o la cessione agevolata) di beni immobili non strumentali e mobili ai soci fino al 30.9.2017. Ad essere interessate sono sia le società di capitali che le società di persone.

Spesometro trimestrale.

A decorrere da quest’anno l’invio dei dati delle fatture emesse / acquisti / bollette doganali / note di variazione (cd. “Spesometro”) sarà trimestrale. Per il solo anno 2017 l’invio sarà semestrale; mentre i dati delle liquidazioni periodiche IVA (sia mensili che trimestrali) andranno comunicati trimestralmente per via telematica.

Soppressioni.

Con la nuova normativa sono, invece, stati soppressi i modelli INTRA degli acquisti e delle prestazioni di servizi ricevute e la comunicazione della cd. “black list” .

Voluntary disclosure.

In tema di voluntary disclosure sono riaperti i termini per dichiarare il possesso di beni, denaro, titoli (e similari) detenuti all’estero e mai dichiarati alle autorità fiscali italiane.

Le date importanti

In tema di date da ricordare la dichiarazione IVA relativa al 2016 va presentata entro il 28.2.2017; mentre le dichiarazioni IVA relative all’anno 2017 ed agli anni successivi andranno presentate entro il 30 aprile di ciascun anno.Sarà possibile definire in via agevolata i ruoli (cartelle) con l’abbuono delle sanzioni e degli interessi.

Nuovi termini di versamento delle imposte.

I nuovi termini per il versamento delle imposte sono stati rideterminati nel modo seguente:
  • saldo IRPEF / IRAP di persone fisiche e società di persone: 30 giugno
  • saldo IRES / IRAP società di capitali: ultimo giorno del sesto mese successivo alla chiusura del periodo d’imposta
  • per le società di capitali che approvano il bilancio oltre il termine di quattro mesi: ultimo giorno successivo a quello di approvazione del bilancio e confermata la possibilità di differire il versamento di 30 giorni versando la maggiorazione dello 0.40%.
  • saldo IV :  entro il 16 marzo di ciascun anno (ovvero, anche in questo caso, entro il  30  giugno  con la maggiorazione dello 0.40%).